loader
Pompetravaini Spa

Industry 4.0 applicato agli impianti di condizionamento e riscaldamento

Luca Porta, (Quality and H&S Director)


News

30 Marzo 2021

Una valutazione energetica dedicati agli uffici, la cui superficie occupa oltre 2000 mq, ha messo in risalto la necessità di valutare l’aggiornamento tecnologico connesso con il loro riscaldamento piuttosto che condizionamento.
Si è proceduto quindi con una attenta valutazione mirata alla selezione della tecnologia corretta ed all’avanguardia così da garantire il massimo confort a tutti i collaboratori.
Con orgoglio possiamo confermare che l’obiettivo è stato raggiunto.

Operando da remoto siamo in grado di controllare tutte le singole macchine, non solo, ogni utente possiede l’autonomia per gestire e personalizzare la propria.
Altrettanto importante risulta essere l’aspetto energetico legato all’utilizzo quotidiano dell’impianto, per il quale abbiamo focalizzato la nostra attenzione al valore “COP”.
Trattasi del Coefficient of Performance della pompa di calore in riscaldamento, ed il suo valore, 5 nel nostro caso, risulta essere il rapporto tra energia resa, calore ceduto all’ambiente da riscaldare, ed energia elettrica consumata.
In ultima analisi, a parità di Kcal immesse nell’ambiente, l’impianto consumerà grossomodo un quarto di quanto andrebbe a consumare se funzionasse con la tecnologia “ad acqua” in uso fino a ieri.

Analogo risultato laddove si parli di raffrescamento (EER).
Garantire ambienti idonei per la mansione del singolo lavoratore, oltre che un obbligo morale, è quanto previsto dalle normative ISO 9001 (capitolo 7.1.3 e 7.1.4).
Con l’occasione possiamo annunciare il superamento del recentissimo audit che ci ha consentito di rinnovare la certificazione alle norme ISO 9001:2015.